Etichette

25 gennaio 2020


https://www.zazoom.it/2020-01-24/quanto-e-vicina-la-fine-del-mondo-100-secondi-appena-per-lorologio-dellapocalisse/6157180/

100 secondi all'apocalisse: 
il Doomsday Clock segna l'ora più vicina alla mezzanotte della storia.
L'orologio del giorno del giudizio, attivo dalla Guerra fredda, segna solamente 100 secondi alla mezzanotte. I due pericoli principali, ribadiscono gli esperti, sono le armi nucleari e il cambiamento climatico.
Quando il Doosmaday Clock è stato creato nel 1947, all’inizio della Guerra fredda, quando segnava 7 minuti alla mezzanotte. “ Ora Mancano 100 secondi a mezzanotte”, commenta Rachel Bronson, presidente del Bulletin of the Atomic Scientists. “Ora stiamo esprimendo la vicinanza del mondo alla catastrofe in pochi secondi"
  • Nel documento ufficiale appena diffuso, gli esperti hanno evidenziato le due principali criticità che si devono affrontare con estrema urgenza sia dai leader mondiali che dai cittadini per salvare l’umanità e il nostro pianeta: le armi nucleari e i cambiamenti climatici. E sebbene l’opinione pubblica stia mostrando un briciolo di speranza per un’azione mirata sul clima, non c’è invece la stessa intenzione da parte dei governi per evitare i rischi legati alle minacce nucleari. “Finché saranno disponibili le armi nucleari, è inevitabile che un giorno vengano usate, per caso, errori di calcolo o di progettazione”, ha sottolineato Robinson .
  • Ma i pericoli non finiscono qui. Secondo Robert Rosner, a capo del Science and Security Board del Bulletin of the Atomic Scientists, la disinformazione e le fake news stanno minando la fiducia nelle istituzioni politiche, nei media, nella scienza e nell’esistenza della realtà oggettiva e la capacità della società “di capire ciò che è vero e ciò che è palesemente falso. Per non parlare del controllo sugli armamenti nucleari che rischia di estinguersi del tutto. “Nel mondo nucleare, i leader mondiali hanno minato diversi importanti trattati e negoziati sul controllo degli armamenti nel corso dell’ultimo anno e la cooperazione Usa-Russia sul controllo degli armamenti è ormai quasi inesistente.
    E se da una parte la guerra nucleare rimane una minaccia, il riscaldamento globale continua a intensificarsi, da quando Trump ha deciso di ritirare gli Stati uniti dall’accordo di Parigi. . Alle riunioni del clima delle Nazioni Unite dell’anno scorso, i leader hanno tenuto discorsi eccellenti ma hanno presentato strategie limitate per abbassare ulteriormente le emissioni di anidride carbonica che stanno sconvolgendo il clima del nostro pianeta



    5 commenti:

    1. L'effetto serra per gli scarichi di anidride carbonica aumenterà la temperatura del pianeta Terra e diventerà simile a quella di Venere e sarà la fine del mondo.

      RispondiElimina
    2. Non è sicuro che il cambiamento climatico sia opera dell'uomo, ma è sicuro che è in atto. Le armi nucleari invece sono tutta colpa di noi umani.

      RispondiElimina
    3. Manca pochissimo, mentre i grandi della Terra sono ciechi e sordi.
      PS: ti ho risposto da me.

      RispondiElimina
    4. Ciao,il problema del clima è enorme e non di facile soluzione,ma la cosa molto grave che si producono tante parole,grandi riunioni che finiscono sempre nel nulla di concreto.
      Le armi nucleari mi fanno meno paura,con loro conviviamo già da molti anni,ma ho timore delle centrali nucleari che però sono indispensabili per non usare il carbone o il petrolio che inquina l'atmosfera e allora possiamo scegliere come autodistruggersi,l'inquinamento lento o l'attimo della reazione nucleare.
      Ciao.fulvio

      RispondiElimina

    ANONIMI :NO