31 maggio 2020

Da camicia di forza



La 'Marcia su Roma' a Piazza Venezia: "Il virus è un trucco". Identificati 70 manifestanti

"Il coronavirus è tutto un disegno politico, economico e sociale perché vogliono venderci alla Cina", dicono ancora.
E poi: "Il virus è un trucco per inventare la crisi". Molti erano con le magliette con scritto 'Marcia su Roma', "e ci sono anche rappresentanti di Casapound", ha sottolineato uno dei portavoce che parla al megafono: "Al governo vogliamo dire che il virus è un cavallo di Troia, non esiste e per questo molti oggi non indossano la mascherina. Ci stanno facendo fallir


Potrebbe interessarti: https://www.romatoday.it/cronaca/manifestazione-roma-cosa-e-successo-oggi-30-maggio-2020.html

Anche a Milano una manifestazione dei gilet arancione che sostengono qualcosa di incredibilmente simile.Ma questa gente, come vive, cosa fa ? Conduce una vita apparentemente normale e svolge un lavoro, covando tanto odio ?




29 maggio 2020

Nel 2019 la corte di Cassazione aveva annullato per intervenuta prescrizione una condanna per truffa aggravata ai danni di una donna alla quale il mago aveva fatto credere che l'uomo di cui era innamorata era vittima di una fattura e che sarebbe morto in un incidente d'auto senza il suo intervento di magia, per il quale si era fatto consegnare oltre 19 mila euro

E lui ha continuato , imperterrito, a truffare. 
       Truffe agli anziani, arrestato nel Lodigiano il 'Mago Candido': sequestrati beni per 3,6 milioni

Invia per email
Stampa
Sfruttando la fragilità di persone anziane prometteva, in cambio di denaro, di togliere il malocchio, comunicare con i defunti e anche la possibilità di eseguire esorcismi. Con queste accuse la Guardia di Finanza di Lodi ha arrestato Renzo Martini, il sedicente "Mago Candido" e due suoi familiari - sua moglie e la loro figlia - per associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata e al reimpiego di denaro di provenienza illecita. Le indagini hanno permesso di evidenziare condotte illecite ai danni di oltre 450 persone, residenti su tutto il territorio nazionale, che hanno versato, dal 2014 ad oggi, una somma pari a 3,6 milioni.

Sempre secondo l'accusa, le truffe sarebbero state perpetrate, prevalentemente, attraverso la televisione e i social network e avrebbero consentito di incassare da ogni singola vittima enormi cifre, anche oltre i 100 mila euro. Il caso più eclatante è quello di una signora della provincia di Rimini, rimasta vedova, che è arrivata a pagare al mago la somma complessiva di 350 mila euro
.
E allora? Forse pagherà una multa per evasione fiscale, ma sosterrà che non ha obbligato e minacciato  nessuno  anzi, ha fatto  loro del bene aiutandole  a ritrovare serenità e illudendole, a fin di bene, di poter comunicare con  i loro cari defunti.  Poi continuerà nella suo opera , come Wanna Marchi.

28 maggio 2020



L’ironia del presidente della II Sezione Penale presso la Corte suprema di Cassazione e membro togato del Csm in un video diventato virale in questi giorni | Corriere Tv
Il video è stato postato su YouTube 10 mesi fa, nel marzo 2019, anche se l’intervento del magistrato sul tema risale ad oltre dieci anni fa. Nel video il magistrato afferma che il divorzio in Italia dura più della pena per l’omicidio del coniuge. Trent’anni per assassinio volontario con le attenuanti generiche e il rito abbreviato rischiano di diventare anche cinque. Molti meno di una causa di separazione. Ma Antonella Veltri, presidente di D.i.Re, la rete dei centri antiviolenza sulle donne in tutte le regioni italiane, parlando con l’Adnkronos lancia l’allarme: «È una esternazione pericolosa che scivola nell’istigazione al femminicidio. Virale? Denuncia un disagio: la lentezza della giustizia. Trovo sconveniente che un giudice possa fare questo confronto ed esprimersi come Davigo, anche in virtù del ruolo che occupa».

Segnalatomi dal blogger https://haldeyde.blogspot.com/

E' chiaro che è un paradosso, una provocazione e a mio parere è un invito a mettere mano al codice penale e non come dice Antolella Veltri. Un esempio è proprio quello che ho citato ieri :il rito abbreviato per un delinquente che uccide due bambini, una condanna a 9 anni che si rdurranno a 4/5 se vabene

27 maggio 2020

Una vergogna inaudita.



E'in odore---puzza sarebbe più appropriato---è drogato e ubriaco, patente ritirata , niente assicurazione, e gli offrono il rito abbreviato, che  lui prende al volo, anche se ha ucciso due cuginetti sulla porta di casa.
Italian word of the day: 'Schifo' - The LocalCondanna a 9 anni di cui, prevedo, ne sconterà 4/5.

26 maggio 2020

https://rep.repubblica.it/pwa/generale/2020/03/19/news/dopo_la_peste_torneremo_a_essere_umani

David Grossman: "Dopo la peste torneremo a essere umani"

Ci saranno nuove priorità. Diremo addio al superfluo e sì alla tenerezza. Il futuro dopo l’epidemia immaginato dal grande scrittore israeliano È più grande di noi, l’epidemia, e in un certo senso non riusciamo a concepirla. È più forte di qualsiasi nemico in carne e ossa che abbiamo mai affrontato, di qualsiasi supereroe che abbiamo mai immaginato o visto nei film. Talvolta un pensiero agghiacciante si insinua in cuore: questa, forse, è una guerra che perderemo...
«Dal momento che il flagello non è a misura dell’uomo», scrive Albert Camus nel suo libro La peste, «pensiamo che sia irreale, soltanto un brutto sogno che passerà. Invece non sempre il flagello passa e, di brutto sogno in brutto sogno, sono gli uomini a passare... 
Improvvisamente nelle nostre vite è in atto un dramma di proporzioni bibliche. «E il Signore mandò una mortalità nel popolo» (Esodo, 32, 35). E la mandò in tutto il mondo. Ognuno di noi è parte di questo dramma. Nessuno ne è esente. Nessuno è meno coinvolto degli altri...
 Ma quando l’epidemia finirà, non è da escludere che ci sia chi non vorrà tornare alla sua vita precedente. Chi, potendo, lascerà un posto di lavoro che per anni lo ha soffocato e oppresso. Chi deciderà di abbandonare la famiglia, di dire addio al coniuge, o al partner. Di mettere al mondo un figlio, o di non volere figli. Di fare coming out. Ci sarà chi comincerà a credere in Dio e chi smetterà di credere in lui.La presa di coscienza della fragilità e della caducità della vita spronerà uomini e donne a fissare nuove priorità. A distinguere meglio tra ciò che è importante e ciò che è futile. A capire che il tempo — e non il denaro — è la risorsa più preziosa. Ci sarà chi, per la prima volta, si interrogherà sulle scelte fatte, sulle rinunce, sui compromessi. Sugli amori che non ha osato amare. Sulla vita che non ha osato vivere. Uomini e donne si chiederanno — per poco, probabilmente, ma ci faranno un pensierino — perché sprecano l’esistenza in relazioni che provocano loro amarezzaPotrebbero scoprirsi, per esempio, gradevoli segnali di innocenza, privi di qualsiasi cinismo. E forse, per qualche tempo, saranno consentite anche manifestazioni di tenerezza. Forse capiremo che questa micidiale epidemia ci consente di liberarci di strati di grasso, di laida avidità, di pensieri grossolani e rozzi, di un’abbondanza divenuta ormai eccesso che comincia a soffocarci (perché diavolo abbiamo accumulato così tanta roba? Perché abbiamo seppellito la nostra vita sotto montagne di oggetti che non vogliamo?)...
Ci sarà forse chi, osservando gli effetti distorti della società del benessere, si sentirà nauseato e fulminato dalla banale, ingenua consapevolezza che è terribile che ci sia gente molto ricca e tanta altra molto povera. Che è terribile che in un mondo opulento e sazio non tutti i neonati abbiano le stesse opportunità. 
Questi scenari si avvereranno? Chi lo sa. Semmai dovessero, temo che si dileguerebbero rapidamente e le cose tornerebbero a essere come prima. Prima dell’epidemia. Prima del diluvio. È difficilissimo indovinare cosa succederà fino a quel momento. Ma faremmo meglio a continuare a farci domande, come se questo fosse una medicina, fino a che non troveremo un vaccino efficace contro il flagello....
Risultati immagini per David Grossman

Traduzione di Alessandra Shomroni
L’ultimo libro di David Grossman è 
La vita gioca con me, pubblicato da Mondadori
Uno degli intellettuali le cui idee sono tra le più chiare, lucide e imparziali, nei cui scritti non ho mai letto alcunchè di scorretto e di retorico

25 maggio 2020

MI SONO SBAGLIATA.

Pensavo di intrattenervi con qualcosa di 'giovane' , tenero e romantico, ma vedo che mi sbagliavo, perchè qualcuno ha voluto aggiungerci  un sottofondo ambiguo.

24 maggio 2020

CONTINUA

Dietro suggerimento del padre, Martina,  venerdì sera,  ha apposto un cartello su cui sta scritto " Mi piacciono  Vuiton, Cartier e Gucci".  Accanto una faccina sorridente . La registrazione mostra il giovane, sempre con cappuccio e mascherina, che lo legge. Come reagirà?