Etichette

29 settembre 2019

Mi è sfuggito qualcosa?

“Cara Greta, dopo che abbiamo buttato Dio nella pattumiera, vogliamo salvare il pianeta? Dopo che lasciamo sopprimere i feti umani, vogliamo proteggere i cuccioli animali? Dopo che confondiamo i generi, vogliamo salvare la specie? Dopo che aiutiamo gli uomini a morire, vogliamo salvare le foreste? Volto indignato il tuo, o forse manipolato? Giovani, non lasciatevi ingannare”
Livio Fanzaga , direttore di Radio Maria

E' evidente che, per questo sacerdote misericordioso , sarebbe auspicabile una punizione divina e  che tutto andasse  in malora .



Dopo le dure parole di Vittorio Feltri (“La gente crede solo alle balle”), il giornalista Renato Farina in un articolo su Libero ha rincarato la dose sugli allarmi lanciati dalla giovane svedese, ritenuti “privi di fondamento” e dunque “balle, menzogne, cialtroneria apocalittica”. “Non è vero che la totalità della comunità scientifica sia d’accordo con Greta, anzi solo una piccola minoranza appoggia il suo estremismo francamente fanatico. Persino chi dà molto peso alle cause antropiche nelle mutazioni climatiche, si guarda bene dal mettere timbro di scienza a farneticazioni populiste, dogmatiche, oscurantiste, inossidabili al dubbio, come quelle che ci hanno invaso tutti e invasato molti”, ha scritto Farina.



Su Greta, il giornalista ha proseguito: “La sua eccezionalità gonfiata con abilità mostruosa dai genitori […] ci è stata imposta. Questa ragazza dagli spaventi e dalle ire tipiche degli adolescenti è stata addobbata con formidabili dichiarazioni di incantamento da autorità politiche e religiose quale profeta di verità assolute (sostenute non da calcoli ed esperimenti, ma dalla pura enfasi retorica), presa in braccio dall’Onu senza che avesse combinato nulla […] e collocata sul carro come una dea di una nuova religione”. Sebbene usi parole molto dure, Farina specifica di non avercela con la giovane svedese, ma “con l’immagine pubblica che è stata estratta da lei trasformandola in icona mistica, quasi fosse l’unica anima pura e innocente in un mondo dove gli adulti sono tutti criminali che hanno tolto il futuro ai giovani ed anzi osano essere ancora vivi e magari timidamente alzare il dito e dire: provaci quello che dici”.
Vogliamo che si smonti questo palco galattico su cui viene trascinata per catechizzarci una ragazzina ignorante come una capretta, la quale è competente solo sui suoi sentimenti montati come panna acida da chi finge di volerle bene, e invece le fa marinare la scuola”.
https://www.open.online/2019/09/27/quanto-e-attendibile-la-lettera-dei-500-scienziati-contro-lallarme-climatico-molto-poco/

 Forse non significa niente, ma costui è stato condannato più volte a pene carcerarie ;mai scontate) per falso  ,e sospeso  dall'ordine dei giornalisti con  l'accusa di aver pubblicato notizie false in cambio di denaro dal Sismi 1 anno  dall'ordine dei giornalisti.
Vorrei sapere cosa deve  fare e scrivere un giornalista per essere radiato a vita.










Svizzera, il funerale del ghiacciaio Pizol









7 commenti:

  1. Cris, l'inquinamento atmosferico è causato principalmente dalle emissioni di anidride carbonica delle industrie. L'industrializzazione di paesi immensi come Cina e Russi e tanti altri ha fatto precipitare la situazione. Lo sviluppo sostenibile è l'unico modo per salvare la Terra. C'è uno slogan disatteso: produrre meno, produrre meglio. E' necessaria una riconversione industriale che coinvolga tutti i Paesi del mondo.
    Greta è antipatica a molti perché dice la verità.

    RispondiElimina
  2. Per quanto sia pressoché in accordo con alcune cose dette dal giornalista (non dal prete) ossia che Greta è un simbolo mistico/mistificato, una quasi attrice con dietro un piano di marketing ben preciso, trovo le parole dei due ovviamente molto squallide. Proprio per come sono dette.

    Moz-

    RispondiElimina
  3. E' rivelatore il fatto che si riesca a spostare l'attenzione del pubblico dal problema vero (l'ambiente, il clima...) al discorso da talk-show su Greta.

    RispondiElimina
  4. Concordo con Moz, squallide e disgustose le parole di quei due ma anch'io nutro molte perplessità su Greta (certo non sui problemi climatici ed ambientali evidentissimi) e mi sono sempre chiesto per esempio perché Greta non proponga di boicottare certi prodotti a vantaggio di altri, perché se la prenda con gli Stati ma non attacchi mai le multinazionali.

    RispondiElimina
  5. La madre dei cretini è sempre incinta.

    RispondiElimina
  6. Il problema è Greta o il disastro ambientale globale?

    RispondiElimina

ANONIMI :NO