Etichette

16 luglio 2019





Arzignano, frazione di Restena, domenica pomeriggio, più o meno intorno alle 14. Lea Ceccomarini e il compagno Filippo Varanini decidono di fermarsi nel piccolo borgo durante il viaggio in bicicletta da Vicenza a Verona. «Faceva caldo, avevamo finito l’acqua, ci siamo fermati» racconta lei. «Nessun bar, nessuna fontanella, unico segno di vita una sala parrocchiale in cui una quarantina di persone stavano pranzando allegramente.


Due ciclisti assetati si fermano in una parrocchia per riempire le borracce. «Ne avevo due in mano» ricorda Lea. «Sono entrata nella sala in cui i parrocchiani stavano pranzando, un uomo corpulento si è alzato ed è venuto verso di me. “Qui è privato”, mi ha detto. Gli ho risposto che dovevo solo riempire le borracce e che stavo cercando una fontanella. Ma lui è stato tassativo: “Non si può”.

 E nella sala da pranzo c’era un lavandino. Sono uscita abbastanza disorientata». Ma non è finita. «Due giovani mi hanno suggerito di andare in un bagno accanto ma non ho fatto in tempo ad aprire il rubinetto che una donna di mezza età mi ha affrontato minacciosa: “Lei non ha niente da fare in questo bagno, appartiene alla parrocchia, è privato. Se ne vada subito da qui”.

Così ho fatto». 


Le opere di misericordia sono quelle richieste da Gesu per trovare misericordia per i nostri peccati ed entrare quindi nel Regno di Dio

                                          Opere di Misericordia corporale




  1. Dar da mangiare agli affamati.
  2. Dar da bere agli assetati.
  3. Vestire gli ignudi.
  4. Alloggiare i pellegrini.
  5. Visitare gli infermi.
  6. Visitare i carcerati.
  7. Seppellire i morti.Anchre una miscredente come me, trova assolutamente giuste queste regole


















.









11 commenti:

  1. Nulla di nuovo sotto sole. I frutti cadono vicino all'albero. Se sono frutti cattivi la colpa è dell'albero.

    RispondiElimina
  2. Cri, è un fatto vergognoso.

    RispondiElimina
  3. Cara Cristiana, nelle vita anche questo può accadere!!! Ma dico forte! È VERGOGNOSO!!!
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Il cattolicesimo non c'entra, anche se pretende di entrarci sempre. C'entra la semplice umanità, che in questo caso fa acqua da tutte le parti, tranne quella giusta.

    RispondiElimina
  5. Anche sulla stampa locale ci sono proteste. La sindaca (che si chiama Bevilacqua) ha promesso di installare una fontanella...

    RispondiElimina
  6. Del resto, parliamo di un'istituzione che a smenarla in lungo e in largo alla popolazione per accogliere i disgraziati che arrivano da fuori è molto brava, ma che non ha aperto a questi disgraziati nemmeno il più misero dei suoi bugigattoli. Rispetto le credenze della gente, ci mancherebbe, ma non nutro il minimo rispetto per le istituzioni religiose, in primis la kqiesa kqattolikqa (minuscole e storpiatura d'obbligo), che nei suoi millenni d'esistenza ha accumulato di che sanare il debito pubblico di tutto il mondo ma non tira fuori un centesimo bucato per aiutare un povero.

    RispondiElimina
  7. Ma tra le persone che nella sala parrocchiale pranzavano allegramente, c'era anche quel fallito del parroco? Fallito sì, perché se quelli sono i suoi parrocchiani, lui sarebbe bene cambiasse mestiere.

    RispondiElimina
  8. Non ospitano gli immigrati - come auspicato da Papa Francesco - figurati se danno da bere a due ciclisti... :(

    RispondiElimina

ANONIMI :NO