Etichette

30 marzo 2019

Vaccino o certificato medico?




Ieri il Senato ha approvato le modifiche agli articoli del codice penale sulla legittima difesa. La ministro della Pubblica Amministrazione , Giulia Bongiorno,  ha esultato dichiarando che «finalmente la difesa è legittima davvero». Spiegando che «chi entra in una casa per violentare, uccidere o rubare deve mettere in conto che ci possa essere reazione da parte della vittima».Ma la cosa più interessante è un’altra. Nella legge sulla legittima difesa per viene escluso il reato di eccesso colposo di legittima difesa se la persona «ha agito in stato di grave turbamento, derivante dalla situazione di pericolo in atto».
Allora si può dire che uno stato di grave turbamento , può paragonarsi all'isteria, ma in questo caso non vale come accusa
Giulia Bongiorno e le “isteriche” che denunciano violenze sessuali e abusi
Poco dopo la Bongiorno ha spiegato la legge denominata “Codice Rosso contro la violenza sulle donne. Secondo la ministro la norma prevede che quando una donna sporge denuncia per una violenza debba essere ascoltata entro tre giorni da un pubblico ministero o dalla polizia giudiziaria  ( consiglierei anche  un esorcisata , se fossi Salvini) «così si può appurare immediatamente se si ha a che fare con un’isterica o con una donna in pericolo di vita, e in tal caso salvarla». ( E se fosse uno stupro occasionale?) Ci sono molte cose che non tornano in questa affermazione. La prima è l’utilizzo del termine “isterica” che un tempo – stiamo parlando del periodo tra la fine del 1800 e i primi decenni del 1900 – identificava una precisa psicopatologia tipicamente femminile.

PAZZESCO! Allora troviamo un vaccino per l'isteria  oppure , tagliamo la testa al toro , e diventi obbligatorio, per le donne , un attestato psichiatrico  che dica se il soggetto E' O NO affetto da isteria, visto che l'isteria non appare in donne sane sotto questo profilo.


Breve riassunto sull'isteria Wikipedia

Nella versione tipica ottocentesca, l'isteria si manifestava con sintomi molto simili all'epilessia, paralisi degli arti, cecità momentanea, perdita di coscienza e della capacità di parlare. Finito l'attacco, seguiva spesso una fase emozionale molto intensa, in cui il soggetto compiva azioni imprevedibili e esprimeva con poche parole o gesti sentimenti molto profondi, in uno stato semi-allucinatorio.


I soggetti tipicamente colpiti da attacchi di questo tipo erano donne di buona società. Sigmund Freud fondò buona parte delle sue teorie sullo studio di questo tipo di situazioni patologiche. Il metodo psicoanalitico si formò nel tentativo di capirne il meccanismo scatenante e cercare una terapia.
Freud individuò le cause in un trauma infantile rimosso dalla persona, che grazie alla tecnica delle sedute di psicoanalisi poteva essere riportato alla coscienza e neutralizzato.e.

La visione moderna

Dalla seconda metà del Novecento, si tende a considerare attacchi di questo tipo manifestazioni di stati depressivi o situazioni esistenziali di crisi che la persona esprime in una rappresentazione codificata che conosce. 
I fenomeni caratteristici dell'isteria sono suscettibili di essere riprodotti mediante autosuggestione. In ogni caso, dietro alla teatralità e alla "simulazione" dell'isterico vi era un dramma autentico. Seguendo questa prospettiva, Ernesto de Martino ha messo in relazione con l'isteria anche il fenomeno del tarantismosindrome che con sintomi analoghi si manifestava in donne di estrazione popolare nel sud Italia.
L'isteria si presenta in forme cliniche numerose e polimorfe, potendo "imitare" tutte le malattie. I sintomi dell'isteria si distinguono in:

9 commenti:

  1. Ma quella buongiorno lì davvero ce la meritiamo. Come ci meritiamo questo governo oscurantista che sta procedendo indietro come i gamberi e che ci sta facendo riportare i dietro gli orologi peggio che l'ora legale. Ce li meritiamo perché non abbiamo fatto nulla per accorgerci in tempo del problema e arginarli, troppo presi a litigare e completamente ciechi o distratti. Ora è tardi. Intanto armiamoci in questo nuovo far-west in cui ognuno si difende da solo visto che lo stato non ha alcuna voglia di farlo.

    RispondiElimina
  2. Mi vien da ribadire il Mariellapensiero...sta gente qua ce la meritiamo... visto poi che il nuovo PD parte con la richiesta di reintegro del finanziamento ai partiti!!.. confermo che ce le andiamo davvero cercando...

    RispondiElimina
  3. Elementare. Se la donna stuprata con la pistola incontra un uomo legittimamente armato di fucile, l'uomo col fucile è un uomo morto. Alla polizia dirà "mi chiamo Bond, James Bond".

    RispondiElimina
  4. Ma insomma sti ministri, votati da tantissimi che la pensano diversamente da voi, che cavolozzo fritto li abbiamo messi a fare QUELLO CHE SAPEVAMO BENISSIMO AVREBBERO FATTO?
    Chiude i porti e corrono sti magistrati di merda a tentare di fargli un processo per....che cosa, gente? Per aver evitato -tenendoli chiusi in un civilissomo ed attrezzatisimo porto italiano- che si disperdessero -come hanno fatto- dentro tutta la nostra nazione? Li avete localizzati tutto quelli di quei 130 che sono improvvisamente spariti? Cercate nei vicoli delle città nordiche, perché per far sparire nel nulla om poco più di mezzora un folto branco di gente nera nera occorre un'organizzazione molto seria, di tipo masiofo, di tipo nigeriano per capirci. Senza lingue e senza conoscenza del territorio. Meditate, gente, meditate.
    Fa una legge che lascia capire come e quando la difesa sia legittima, PERCHÉ NON ERA CHIARO UN BEATO CA**O, ed uno dei suddetti giudici di merda poteva interpretarla a suo piacere. D'accordo qualcuno, tanti, continueranno a farlo ma se c'è una legge chiara in materia dovranno finalmente rispondere delle loro PORCONATE, ma non con soldi, con il licenzimento in tronco dalla casta intoccabile dei manigoldi. E adesso chi mi spiega perché se un medico, un ingegnere, commette un errore deve pagarlo in soldi -tanti- e in anni di galera, mentre questi pezzi di merda non possono essere messi sotto accusa quando fanno le loro spregevoli porconate?
    La Buongiorno la legge la conosce o no? Quando faceva l'avvocato non c'era anima che non ne acclamasse la limpidezza dei ragionamenti giuridici. Se fosse stata una ministra del PD avrebbe ancora seguito massiccio, siccome NON vuole vincere facile come tutti gli juventini bonipertiani e giovani belanti, ma entra nel governo nel gruppo dei leghisti, allora è una capra?
    Siete stra-animati da motivi personali tutte le volte che sparlate di Salvini, che sarà quello che volete a seconda di come e da chi si travesta, ma fa quello che aveva promesso né più né meno. Quindi?
    Io non lodo il suo pensiero su cui avrei tanto da dire, ma la sua coerenza politica, che non si discute.
    È andato a questo congresso di pidocchiosi, ma per ribadire che indietro non si torna,che aborto, divorzio non si toccano, malgrado i franceschi di cui stanno riempiendo i vicoli e le strade di periferia, notorie per le cacate dei cani rognosi e randagi, e voi credenti fatevi il segno della croce quando ne dovete percorrere una perché quelle merde son tutte lì per voi, messe lì in vostro onore.
    Questo scrive Vincenzo che "sa di tutto" signorina Cristiana, che sempre nascondi le unghiette mentre passo a tiro per darmi una graffiata sulle chiappe, come fanno le gatte. Strano però, ma non eri tu che stravedevi per i cani, tipo Lilladoro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non è una capra, è molto peggio. Una furbastra col pelo sullo stomaco.
      Tirare in ballo l'isteria è un colpo basso a tutte le donne.

      Elimina
    2. Non credo che Bongiorno sappia nulla sull'isteria, ma sa bene come usare le parole del discredito.

      Elimina
    3. MISSION
      Doppia Difesa è una
      Fondazione Onlus nata nel
      2007
      Doppia Difesa è una Fondazione Onlus costituita nel 2007.
      La volontà delle fondatrici, Michelle Hunziker e Giulia Bongiorno, è aiutare chi ha subìto discriminazioni, abusi e violenze ma non ha il coraggio, o le capacità, di intraprendere un percorso di denuncia.

      Se fosse coerente, si dissocerebbe dalla Fondazione.
      Con il Codice Rosso penalizza tutte le donne.

      Elimina
    4. Roma, 31 maggio 2016 - La penalista Giulia Bongiorno scatta ogni volta che in Italia una donna muore per mano dell’ex marito, dell’ex fidanzato, di un amante respinto. Lavoro? No. Rabbia, indignazione, proposta. È la battaglia dell’associazione Doppia Difesa, onlus contro la violenza di genere.
      E ora il voltafaccia del Codice Rosso.

      Elimina
  5. che dire?
    che la prima su cui compiere accertamenti è proprio la Buongiorno, visto l'atteggiamento ondivago (ad essere gentili) per non dire schizofrenico delle sue prese di posizione in materia!

    RispondiElimina

ANONIMI :NO