14 marzo 2019

Comunicazione di servizio

Non è reato sputare su un manifesto di Salvini


Torino, il gip archivia la denuncia dei militanti della Lega che lo avevano filmato
Secondo il giudice per le indagini preliminari di Torino, però, quel fatto, non esiste alcuna ipotesi di reato. "Il gesto è rivolto all'uomo e non al ruolo che in quel momento ricopre Matteo Salvini, e dunque non all'incarico di ministro dell'Interno", spiega il giudice nel documento che motiva la sua decisione.






11 commenti:

  1. Ma sì: sputare è solo maleducazione, non reato

    RispondiElimina
  2. Peccato che non abbia sputato in un occhio all'originale!

    RispondiElimina
  3. Visto che per il 99% non sta facendo il Ministro dell'interno ma altro, mi sembra giusto non considerarlo tale :D Ho letto un articolo giusto ieri dove spiegavano che "de facto" il Ministero dell'interno lo esercita un tale funzionario, visto che lui non c'è mai al ministero!

    RispondiElimina
  4. Meglio focalizzare l'attenzione su fatti belli e positivi... alle cose sgradevoli viene dato fin troppo spazio sui Media...

    RispondiElimina
  5. Allora mi organizzo. Intanto sperando di incontrarlo, mi esercito a casa ;.)

    RispondiElimina
  6. Risparmierei la saliva: c'è invece bisogno di riflettere sullo spostamento retrogrado e incivile che questo brutto tipo sta capeggiando oggi in Italia. La complicità dei cinquestelle comporta una pesante responsabilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, non hai tutti i torti: sputargli in un occhio vorrebbe dire aumentare il suo valore con la propria saliva.

      Elimina
  7. Pertanto da questa sentenza deriva che non sia reato sputare sul manifesto di nessuno. Bene. è giusto giuridicamente parlando, anche se resta il gesto che mi lascia amareggiato perchè tu prova a pensare se passi per strada una mattina magari del 25 aprile e vedi uno che sputa su un manifesto con la foto di un personaggio della Resistenza, prova a pensare cosa proveresti e come ti sentiresti. Ci vuole rispetto per tutti anche se li si detesta e non si condividono le loro posizioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' reato lordare i muri. Sputare a qualcuno può procurarti una querela. Sono d'accordo sul principio (rispetto per tutti) ma in certi casi sparare a qualcuno può farti avere una medaglia...

      Elimina
    2. Ragazzi posso sapere se sputando su un manifesto dove campeggia la faccia di Mattarella è reato o meno? Secondo me sì, perché si oltraggia il Capo dello Stato. Pensate che ci sia qualcuno che vi creda che quello sputo fosse "solamente" per Salvini uomo e non per il ministro degli interni, che al contrario di certi altri -tipo Minniti- passavano il loro tempo in ufficio a fare cosa? Chiacchiere? Parole crociate? Sudoku? salvo poi dire che aveva fatto tutto lui? In questo governo solamente Salvini ha capito cosa deve fare un ministro degli interni, mettetevelo in testa: andare in mezzo alla gente e farsi vedere in mezzo alla gente. Voi odiate l'uomo e considerate tutto quello che dice e che fa dal basso di quell'odio. Non applaudi e non applaudirò mai questo vostro atteggiamento a prescindere. È falso e sbagliato. Io non sono fascista né leghista, ma quando Salvini fa qualcosa di buono lo apprezzo. Porti chiusi? Era l'unico modo perché Micron accettasse che doveva prendersi non solo i turisti ma anche degli emigranti. Gli itliani, io e quelli che la pensano come me, siamo stufi di essere trattati come scimmie pulisci immondizia ed il metodo Renzi-Minniti dei sorrisi stereotipati col cappello in mano ci ha castigato e tolto la dignità.
      È un ragionar fascista questo? Se lo dite voi ditelo pure, ma io me ne frego.

      Elimina
    3. Io non odio nessuno, semplicemente non l'apprezzo perché penso che ci porterà ad una deriva ancora peggiore. Va bene per incantare gli ignoranti, quelli che non hanno potuto studiare , agli analfabeti funzionali che in Italia sono il 28 per cento della popolazione totale , davanti a Grecia Singapore e Slovenia , il maggior numero si concentra al Sud e nelle aree del Nord-ovest. Le sue sparate sono degne delle discussioni al bar, altro che contesto internazionale.

      Elimina