5.29.2018

I "MIEI" INDIANI

SHAANY e RENIL
Arrivati 8 anni fa dall'India, con diploma infermieristico, hanno dapprima imparato l'italiano e poi sostenuto l'esame per abilitare il diploma in Italia. Hanno avuto due bambine, e ora lavorano tutti e due in due strutture ospedaliere qui a Como. Sono fra le persone più squisite  e umane  che abbia mai conosciuto. Dandosi il cambio, si occupano ogni giorno, per 2/3 ore ciascuno, di mio marito che è gravemente ammalato. sempre sorridenti ed affettuosi, ed è grazie a loro che riusciamo  a vivere in maniera più accettabile questa triste fase della lunga convivenza con un marito  e un padre sempre presente e generoso. Naturalmente, posso loro mostrare la mia gratitudine, attraverso il denaro    -più che posso anche se sono assai modesti  , ma anche  dimostrando loro l'affetto che si meritano ,  e sono convinta che , se non potessi più onorare il tempo che ci danno, non smetterebbero di continuare la loro assistenza  materiale e psicologica.


Ai  "miei" indiani si è aggiunto Shanneb , fratello di Shaany e non fa eccezione essendo altrettanto gentile ed affettuoso

10 commenti:

  1. Io dico solo che sto lavorando grazie a un mio vicino Tamil che mi ha lasciato il suo lavoro.

    RispondiElimina
  2. Non sapevo della situazione...
    Mi spiace. Per fortuna hai trovato gente in gamba :)

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Che belle persone. Che gran tesoro per te e per tuo marito😘😘😘

    RispondiElimina
  4. Mi spiace molto per tuo marito e mi fa piacere che tu abbia trovato questo grande sostegno in due persone davvero in gamba. Buona serata, di cuore.
    sinforosa

    RispondiElimina
  5. I tuoi assistenti devono proprio essere bravissimi. Auguri di cuore per il marito. Cesare

    RispondiElimina
  6. Ti sono vicino, non sapevo della malattia di tuo marito. Loro due sono due splendide persone!

    RispondiElimina
  7. GRandi loro e grande tu a riconoscere il merito che hanno!
    Un abbraccio a te e a tutti

    RispondiElimina
  8. Non ero a coscenza della malattia di tuo marito, Cristiana, e me ne diaspiace molto. Ma mi conforta sapere che ci sono persone che con professionalità e soprattutto con umanità e gentilezza ti aiutano.
    Hai fatto benissimo a farceli consocere, è bello condividere ciò che di positivo si trova anche in mezzo a tanti problemi!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  9. Capisco bene quanto sia difficile psicologicamente , moralmente e fisicamente doversi prendere cura di una persona malata, il sostegno, l'amicizia e l'aiuto che possono dare le persone che ci sono accanto familiari e non familiari è davvero prezioso e importante.
    Io e Sole vi abbracciamo forte!

    RispondiElimina