05 maggio 2018

SCANDALO NOBEL, ALTRO CHE DINAMITE.

http://www.mainfatti.it/Premio-Nobel/Nobel-Letteratura-2018-chi-sono-i-candidati-che-non-vinceranno-il-premio_0264680033.htm 

IGINO SANTI BLOG MAINFATTI

Soltanto a questo indirizzo ho trovato ciò che cercavo : nessun altro ne parla.

L'Accademia di Svezia ha annunciato che il Nobel per la Letteratura 2018 non sarà assegnato  a causa dello scandalomolestie che ha travolto il fotografo francese Jean-Claude Arnault, marito della poetessa Katarina Frostenson nonché membro dell'organizzazione che assegna il premio.
Ma chi erano i candidati al Premio Nobel della Letteratura 2018? Stando ai bookmaker, il super favorito a vincere quest'anno il Nobel per la Letteratura era Ngugi wa Thiong'o, noto anche come James Ngugi, scrittore, poeta e drammaturgo keniota e tra i principali autori della letteratura africana. 
A tallonare Ngugi wa Thiong'o, che è stato più volte candidato al Nobel senza mai riuscire finora a vincerlo, era il giapponeseHaruki Murakami, autore di numerosi best seller come "Nel segno della pecora", "L'uccello che girava le viti del mondo" e "1Q84".
Canidata al Premio Nobel per la Letteratura 2018 ancheMargaret Atwood, poetessa, scrittrice e ambientalista canadese autrice del libro "The Handmaid's Tale" che ha poi ispirato la omonima serie televisiva fantascientifica che ha vinto 8 Emmy Awards e 2 Golden Globe. 
ITra gli altri papabili al Nobel per la Letteratura 2018 c'erano lo scrittore spagnolo Javier Maras, il poeta sudcoreano Ko Un e lo scrittore statunitense Philip Roth, considerato tra i più importanti romanzieri ebrei di lingua inglese. 
Anche se non tra i favoriti, quest'anno figuravano tra i possibili candidati al Nobel per la Letteratura anche gli italiani Dacia Maraini e Claudio Magris, che nel 2007 fu dato come favorito dall'agenzia di scommesse inglese Ladbrokes per la vincita del premio di quell'anno.

La credibilità di Arnault capitola definitivamente lo scorso novembre, quando diciotto donne riportano al quotidiano Dagens Nyheter di varie molestie subite da parte del direttore durante gli eventi del club tenutisi sia a Stoccolma che a Parigi, tra il 1996 e il 2017, ma probabilmente anche già a partire dagli anni ottanta.
Una delle 18 testimonianze:
IL MAIALE
“Non disse molto prima di afferarmi le cosce e toccarmi i genitali. Era come se stesse scavando. Non si tratta di un incidente, non c’è stato altro contatto fisico prima e non stavamo flirtando. Mi ha toccato lì, in mezzo alle cosce.’

Nonostante ciò io non capisco perché penalizzare  i papabili per il Nobel 2018  della Letteratura. Allora che non assegnino nessun Nobel 2018 Cosa c'entrano le malefatte  di Arnault, che lo caccino!







9 commenti:

  1. Ieri ne ha parlato il tg, e anche io mi son chiesto perché sospendere la premiazione (comunque verrà recuperata nel 2019, e sarà quindi doppia).
    Boh, non capisco.

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Cara Cristiana, io penso che sia stata una saggia decisione!!!
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Sì in effetti non è molto sensato penalizzare il possibile vincitore del Nobel ... e poi come scrivi tu perchè solo quelli della letterature?
    Forse perchè tra i giurati c'era la moglie dell'innominabile.

    RispondiElimina
  4. Innanzi tutto se tra i giudici c'è un maialone si cacci il maialone non si sospenda il premio letterario più ambito al mondo, e giustamente ambito.
    In secondo luogo lasciatemi esporre la mia incredulità. Chi mi conosce sa come la penso in fatto di donne: per me valgono in generale due uomini ciascuna. Perché sono più sensibili; sono contemporaneamente amanti e madri. Perché fanno contemporaneamente un sacco di cose -impossibile per noi farne due benino- perché quando amano lo fanno con tutte se stesse, come quando odiano; perché quando lasciano dicono "addio" e cambiano pagina, profumo e vestito. L'uomo non dice mai addio, bensì "arrivederci". Prova con la nuova e poi tenta di tornare alla vecchia più sicura.
    Ciò ricordato, riferendomi al signore che cercava il petrolio in mezzo alle cosce della denunziante, io dico che a me ed ad altri come me mai successe di poter arrivare a mettere le mie dita fino all'ingresso della porta del paradiso senza che la piccina fosse consensiente. Nota bene: quelli della mia generazione sanno quanto fosse difficile allora portarle il pomeriggio in galleria se non volevano limonare LORO. Prima di arrivare lassù ce n'è di coscia da scavalcare ed a lei restano i muscoli delle cosce da serrare e due mani per prendere a schiaffoni e dieci dita ungulatissime per marchiarti la faccia. Quindi non diciamo cazzate, se la piccolina avesse veramente NON voluto lui avrebbe dovuto lasciarle attaccati alle unghie 100 grammi di pelle del muso.
    Ci sono i maiali, certamente, poi ci sono quelle che si beccano 130.000 dollari per tacere se il qualcuno di turno -sempre potente e danaroso- cerca di scavare un pozzo di petrolio proprio lì.

    RispondiElimina
  5. Sulle molestie sono d'accordo con Vicenzo.

    E pongo un'altra domanda... Ma chi caspita sono sti autori?? Sinceramente ma voi li avete msi sentiti ?? Letti?
    Bho... Io sarò ignorante ma conoscevo, e anche letta, la Maraini.
    Bho mistero sul mistero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco Javier Marias perché mi interessò il suo saggio breve su Berlusconi
      http://www.broderie.it/images/humorimm/M
      arias%20Berlusconi.PDF
      Margaret Atwood, per un suo romanzo, piuttosto pretenzioso e noioso "L'assassino cieco"
      Philip Roth, di cui ho letto parecchi romanzi .
      Naturalmente conosco Dacia Maraini e Claudio Magris

      Elimina
    2. Il bello della vita è che c'è sempre da imparare^^

      Elimina
  6. Cacciare i molestatori.
    Ciao Cris,

    RispondiElimina
  7. https://www.theguardian.com/books/2018/may/04/nobel-prize-for-literature-2018-cancelled-after-sexual-assault-scandal?CMP=share_btn_link
    un articolo serio sull'argomento.
    (cesare)

    RispondiElimina