Etichette

30 agosto 2018

UNO SFACELO

https://rep.repubblica.it/pwa/editoriale/2018/08/29/news/immigrazione_orban_salvini_bandiera_nera_sovranistaOrban, Salvini e la bandiera nera sovranista del governo italiano

L’immigrazione è solo uno dei temi al tavolo del nuovo populismo europeo: quello che cercano i due “amici” è il trapianto d’anima all’Europa
 Il Primo Ministro Conte , ma forse bisognerebbe dire il Terzo Ministro, dopo i due vicepremier e capi-partito.   ( Questa mi è proprio piaciuta!)
 lL'operazione antieuropea ha il suo nucleo organizzato e visibile nel gruppo di Visegrad (Polonia, Cechia, Ungheria e Slovacchia), a cui da ieri l'Italia si è iscritta come socio aspirante, pieno di buona volontà, visto che mentre Salvini riceveva Viktor Orban il Premier Conte incontrava il primo ministro ceco Andrej Babis, ovviamente sordo a ogni richiesta di aiuto sui migranti.ue vicepremier e capi-partito, 
Lo so , è impensabile che il popolo che ha votato Lega possa essere interessato a leggere articoli del genere, forse non li capirebbe, ma senza dubbio li criticherebbe.

15 commenti:

  1. Leggevo stamattina un interessante articolo sulle strategie dell'attuale governo in tema di Europa, con la volontà di spezzare il fronte 'occidentalista' cercando la sponda degli antieuropeisti. Vedremo quali saranno le conseguenze. Ma resto sempre convinto che il governo giallo-verde non abbia una grande durata. Poi sul seguito non so fare previsioni :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho paura però che se cade il governo giallo-verde e si torna alle urne Salvini farebbe il "martire" e stravincerebbe, poi governebbe con quello che resta del centrodestra..in pratica forse anche peggio!!!

      Elimina
  2. Cara Cristiana, come dicevo prima in un altro commento, il linguaggio di Salvini sta creando ovunque nuovi odi e di sicuro aumenteranno, credo che con il tempo molte cose peggioreranno.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Da noi si dice che è il tono che fa la musica. Il saper parlare è un’arte che andrebbe coltivata soprattutto da chi occupa posti rilevanti e i politici sono fra questi. Purtroppo il linguaggio che si sente, da chi dovrebbe usare buon senso, accortezza e intelligenza, è un linguaggio che fomenta la rabbia, l’insoddisfazione, l’intolleranza e addirittura uno striscione e pericolosissimo odio. Ehhh! Speriamo bene.
    sinforosa

    RispondiElimina
  4. Da Mussolini a Salvini, i demagoghi premono su due tasti, in politica internazionale. Il vittimismo e il bullismo. Salvini si sente trattato male dall'Europa, e contemporaneamente minaccia di fargliela pagare. Di Maio segue a ruota, Conte si guarda intorno per sapere cosa deve dire. Speriamo che restino tutti sul piano verbale e preelettorale, altrimenti i pericoli si faranno concreti e pesanti.

    RispondiElimina
  5. Ma perché invece di sparlare solamente di chi ci governa non si dà una buona volta un'occhiata serena e non di parte a Francia e Germania ed a quel che predicano ed a quel che razzolano? Vi sta bene un governo che partiva ogni volta col culo unto di vasellina ed il piattino per l'elemosina in mano? Votatevelo alla prossima, poi contatevi. Vi sta bene essere trattati come merde dal titano che dice, o meglio lascia dire ai suoi ministri, nascondendosi sotto le gonne di sua moglie-madre-nonna, che il comportamento dell'Italia fa vomitare, mentre lui fomenta rivoluzioni in Libia per interessi personali e mentre lui respinge oltre 49.000 migranti, penetrando in suolo italiano e sbattendo a terra e trascinando una donna gravida, che morirà poi in un nostro ospedale? A voi sta bene tutto: siete proprio nati sfigati e senza palle. Io e quelli come me -i cretini del web- non ci stiamo. Chi abbia avuto a che fare con poliziotti francesi sa di cosa parlo: spocchia, puzza sotto il naso e facce sdegnate quando apprendono dai documenti di avere a che fare cogli odiati cugini, i vomitevoli italiani. Noi non siamo una razza inferiore, amici miei cari, io per lo meno non mi considero appartenente a codesta razza inferiore e plaudo a chiunque sbatte in faccia la verità a questi mezzi uomini aspiranti eredi di Napoleone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non mi sta bene, come non mi sta bene la pericolosa virata a destra del Super PdC che ha una vera passione per Fidesz, il Rassemblement National di Marine Le Pen, i tedeschi di Alternative fur Deutschland, l’olandese Geert Wilders, il Fpoe austriaco di Heinz-Christian Strache, i polacchi dei Pis di Jarosław Kaczyński.
      Questi saranno la rovina dell'EEuropa e per tornare alla normalità ci vorranno decenni

      Elimina
    2. Dici? Ma non ti accorgi che il mondo, non solo l'EU, sta andando dalla stessa parte? Non lo capisci che se andasse avanti indiscriminatamente questa invasione fra dieci anni avremmo ben altre gatte da pelare che non grattarsi le pustole di quattro nostalgici del PdM e delle sue briciole e dei piagnistei alla corte del reuccio di Francia e della afflosciata gonna di Angela per ottenere soldini in cambio di sovranità nazionale e di svendita di marchi nostrani a costo zero?
      A proposito del ducetto dell'Eliseo come mai la mummia del Quirinale non protesta ufficialmente? Come mai l'Irrenzi cazzarone non si indigna? Come mai la sinistra che avanza nella direzione sbagliata non ulula allo spregio che Micron fa dell'Italia inventandosi di sana pianta lamentele che nessun politico, giornalista o commentatore italiano si è mai sognato di fare, addebitando il crollo del ponte Morandi all'EU?
      Ma le avete le palle che fumano oppure no?
      Ma c'è qualcuno ancora al Quirinale?
      Ma dov'è il senso della nazione del grande partito di sinistra, il PdM?

      Elimina
  6. Con chi ce la dobbiamo prendere se un paio di mezze calzette politiche e umane sono diventati dei giganti agli occhi di molti sprovveduti che andranno a diventare sempre di più? Con quelli che hanno sfrantummato un partito che aveva nobilissime origini? Con chi? Con Veltroni, Prodi, D'Alema, Renzi, con chi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È indubbio che il partito socialista abbia avuto nobilissime origini, ma generò pur sempre Benito Mussolini. E passi, all'inizio il partito che fondò a Bologna nel 1919 aveva tutt'altro scopo che la dittatura. Ma chi lo ha distrutto questo partito, io? Te?
      Stai attento nel tuo elenco: mettere Veltroni, Prodi, D'Alema acanto ad un opportunista vacuo e insulso come Renzi è una bestemmia: Veltroni si tiene sulle sue per non schizzarsi di fango; Prodi ha girato le spalle e non lo si ascolta più; D'Alema, come diciamo a Roma, jà vortato le spalle e je piscia addosso al tuo pupazzo. Non son solo io e i poveri webeti come me a denigrare st'individuo, ma i suoi ex compagni di partito, e soprattutto se stesso, pessima copia di un cialtrone.

      Elimina
  7. Va veramente ridere che una collezione di fenomeni da baraccone e casi psichiatrici sia convinta di essere moralmente e intellettualmente superiore, sopratutto dopo che a più riprese ha dovuto "cambiare idea" quando i capoccioni li informavano che la Rivoluzione era uno scherzo, che Marx non aveva proprio capito tutto tutto, che è normale avere un segretario del partito che va a pranzo con Debenedetti e gli da le dritte per le speculazioni e infine che il Governo lo devono decidere "i mercati".

    Ve la ricordate l'adunata oceanica per i funerali di Berlinguer?
    Pagliacci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pagliaccio sei tu.
      Ti ho già chiesto di non commentare da me, La prossima volta non ti pubblico,sei fuori posto, qui.

      Elimina
  8. Curioso che in un post su Salvini qualche (il solito) divertente buontempone si getti in una filippica contro un altro partito e altri politici. Eppure le critiche a Salvini non saranno mai all'altezza (o bassezza) del personaggio principale della tragedia politica della nazione. Gli ipotetici (ma quanto comodi) nemici esterni non sono niente rispetto alla voglia di malvagità che alla fine annientò persino Hitler (che sembra oggi dare il la al gradasso nostrano). (Cesare)

    RispondiElimina
  9. Cesare mi pare che tu stia esagerando. Sei in ottima compagnia. Tutti i nostalgici del divino Irrenzi e i tentativi plurimi di mettercelo davanti agli occhi (a settembre la Palombelli, moglie di chi sappiamo, ce lo intervista in prima serata. Mamma mia che emozione, mi sto già pisciando addosso). Adesso tu scomodi Hitler tanto per fare un paragone calzante. No, Cesare: l'ombra di Attila, quella di Gengis Khan sale ogni mattina le scale del Viminale. Tutti voi orfani piagnucolanti del cazzaro, elevate altissimi lai in memoria di un microscopico politicante da operetta e sputate veleno su uno dei pochi uomini coerenti con se stessi -che si sia d'accordo o no sulle sue idee questo dato è inconfutabile- che abbiamo nel nostro paese di voltagabbana.
    Mi dà fastidio vedere tra voi la nostra ospite, che stimo moltissimo. Purtroppo nessuno è perfetto, vero Cris?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SENTI CHI PARLA! Sappi, se ancora non l'hai capito, che avevo predetto che Renzi sarebbe stato la rovina del PD, stessa testa di cxxxo del tuo pupillo, ma purtroppo molti non l'hanno capito in tempo.

      Elimina

ANONIMI :NO