Etichette

21 gennaio 2021

Salvini: "Grillo diceva i senatori a vita non muoiono mai": la reazione ...


Ragazzi senatori a vitache coraggio avete a votare la fiducia“. Si è rivolto così Matteo Salvininel corso del suo intervento a Palazzo Madama poco prima del voto di fiducia al governo, ai senatori a vita presenti in Aula. Il leader della Lega, poco prima, aveva ricordato alcune parole scritte da Beppe Grillo, nel 2012, estrapolandole dal contesto e privandole dal significato che il fondatore del M5s aveva dato loro. E cioè: “I senatori a vita non muoiono mai, o almeno muoiono troppo tardi”. Nel post di nove anni fa, Grillo spiegava le ragioni della sua contrarietà alle nuove nomine di senatori a vita che di lì a poco avrebbe dovuto fare l’allora presidente della Repubblica, Giorgio NapolitanoLe parole di Salvini, pronunciate in Aula, hanno sollevato le proteste e, addirittura, hanno mosso la presidentMaria Elisabetta Alberti Casellati a richiamarlo.Che sia stato richiamato dalla Casellati, è tutto dire!



12 commenti:

  1. E' un coglione senza il minimo di cultura e di rispetto verso gli altri e gli fa buona compagnia la vipera Meloni che ha offeso Conte in modo vergognoso. A me Conte non piace ma lo rispetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Offeso perché? Lo ha chiamato Avv. Conte che poi quello è. Per me non è un'offesa è solo la volontà di mostrare che non riconosce in lui la figura di Presidente del Consiglio o che, forse, vista la sua incapacità non vuole neanche contemplare il fatto di chiamarlo con quel titolo.E peraltro io sono rimato molto deluso no deluso non è la parola esatta, diciamo più esterrefatto per il disastro fatto da Conte stesso e soprattutto Speranza con Gualtieri e altri ancora...

      Elimina
    2. Non mi stupisce che Meloni non riconosca un Presidente del Consiglio democratico! Non insulta lui ma tutta la repubblica democratica.

      Elimina
  2. Cattivo gusto di Grillo e cattivo gusto di Salvini. Ma dovremmo saperlo che non sono dei signori..

    RispondiElimina
  3. Salvini lo giudico da sempre un cialtrone e un inbonitore di menti fragili e nulla di quello che dice o fa mi meraviglia.
    Nemmeno Grillo attira le mie simpatie che considero solo un furbastro ciarlatano.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
  4. Quest'uomo sguazza nello squallore. Fa paura pensare che, in caso di elezioni, possa andare al governo e con lui la Meloni e Berlusconi (che aspira pure a diventare capo dello stato. Se si verificheranno situazioni del genere vorrà dire che la gente si è bevuta il cervello. Un caro saluto a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il PdR non dovrebbe essere una persona 'specchiata'?
      Alla votazione in cui vinse Mattarella Meloni e Salvini avevano proposto FELTRI
      Finalmente ora posso linkarti.

      Elimina
    2. Non credo che Berlusconi sia così rimbecillito da pensare di poter essere realmente eletto. Casomai sarà un nome di bandiera della destra.

      Elimina
  5. Venendo al tema del tuo post, Salvini ha citato e lo ha detto chiaramente che era una frase di pessimo gusto detta da Grillo, facendolo presente. La Casellati non aveva capito che stava citando e quindi lo ha ripreso in un primo tempo. Quindi poteva evitare quella citazione ma lui ha solo riportato una frase di dubbioo gusto su Hitler se ricordo bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però l'ha detta , il furbastro, pensando di far fessi tutti.

      Elimina
  6. che bello che ho tanto lavoro e non ho seguito la telenovella di quel giorno al senato.
    Troppo lontani da noi che lavoriamo questi politici. Rotazione dopo 10 anni a casa. Spero sempre che nessuno più dia il voto di lista ma solo il voto di preferenza onde evitare di essere comandati dai capi irremovibili

    RispondiElimina

ANONIMI :NO