Etichette

30 ottobre 2020

VOGLIAMO VOTARE ANCHE NOI? BASTA UN SI O UN NO ENTRO IL 3 NOVEMBRE

 Donald Trump è stato il peggiore presidente degli Stati Uniti, sogno di ogni satira mondiale. Il suo mandato ha provocato intorno a sé il più grande entusiasmo antigovernativo che l'America abbia mai conosciuto. Bruce Springsteen ha dichiarato che "Trump non ha idea di cosa significhi essere americano. È un narcisista tossico e pericoloso, un insieme di ansia, fragilità e insicurezza".  Barbra Streisand l'ha chiamato corrotto e indecente, dedicandogli un album Don't Lie To Me. Per George Clooney il 45° presidente degli Stati Uniti è un opportunista, un fascista e uno xenofobo.  Jane Fonda, dopo essere stata arrestata più volte per i venerdì di protesta, si augura che dopo il 3 novembre sia il Presidente demagogo e tiranno a essere arrestato. Per Robert De Niro è un sociopatico senza empatia. Nessuna pietà nemmeno oltreoceano, dove J.K. Rowling ha scritto che Trump è peggiore di Lord Voldemort. Un grande complimento in fondo, perché l'ossigenato premier non ha certo la prestanza di Tom Riddle né tantomeno una fine intelligenza. Mai si sono toccati tali livelli di giudizio da parte delle star, scatenate contro la drammatica comicità del presidente. In questi anni, di materiale, Donald Trump ne ha regalato parecchio.


Leggi gli altri CONTROMANO

Tra qualche giorno l'America non voterà per il valore di Joe Biden, il cui carisma non infiamma menti e cuori come aveva fatto il suo predecessore Barack Obama, ma voterà con entusiasmo contro il presidente uscente e Mr. Donald Trump tornerà con serenità a fare il miliardario. L'America è pronta per un nuovo ciclo di storia. Gli americani sono un popolo giovane perché sbagliano, come tutti gli altri, ma poi capiscono di aver sbagliato, imparano e cambiano direzione. Non perdono troppo tempo. Anche l'Italia ha avuto il suo miliardario al governo. Ma c'è voluto ben più che un mandato per cacciarlo dalla politica, se si pensa che nemmeno oggi è davvero sparito del tutto. Ci sono voluti vent'anni, durante i quali siamo riusciti a rieleggerlo ben tre volte. Gli è stato concesso un conflitto di interesse da inorridire qualunque Paese civile e le sue televisioni hanno sferzato colpi a dritta  e a manca sfasciando l'Italia senza pietà. Questo fa di noi un Paese vecchio.

Curzio Maltese

Sul Venerdì del 30 ottobre 2020


A Susan Sarandon, Trump ricorda quello zio ubriaco che nessuno vorrebbe avere al matrimonio perché prima o poi si alza e dice cazzate



Sappiate che a malincuore, io voto sì





7 commenti:

  1. Non capisco, si o no a che cosa?
    Sulla carta Trump è spacciato (e una non rielezione è una doppia sconfitta), soprattutto per merito della sua insolenza verso le vittime del virus. Ma il diavolo può sempre metterci la coda. Che l'America impari più presto dell'Italia è tutto da dimostrare.

    RispondiElimina
  2. Trump è impresentabile, ma il suo sfidante è mediocre. La sua vice, invece è fantastica.
    Kamala Harris ha una simpatia enorme. Parla bene e il suo sorriso incanta.

    RispondiElimina
  3. Biden lo vedo bene da Conad che mi incarta la mortadella: innocuo e rassicurante (ma magari mi frega venti grammi col sorriso..)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trump si mangia la tua mortadella e ti frega il portafoglio.

      Elimina
  4. Fossi americano, a Trump preferirei anche una scimmia muta.

    RispondiElimina

ANONIMI :NO