02 agosto 2020

Bologna 1980

  • La strage di Bologna
Francesca Mambro
Processato e riconosciuto colpevole di diversi reati, tra cui l’omicidio di 93 persone (85 nella strage di Bologna, da lui negata, più altri 8, di cui 4 come esecutore materiale con altri, di cui si assume la piena responsabilità e colpevolezza), viene condannato, complessivamente, a 8 ergastoli, 134 anni e 8 mesi di reclusione.

La semilibertà è arrivata per loro tra il 98 e il 99 , cioè 16 anni dopo la strage di Bologna
Il sottosegretario alla Giustizia: "Sicuro ravvedimento e angoscioso senso di colpa per le vittime".Francesca Mambro - Wikipedia

3 ago 2009 ... Valerio Fioravanti e Francesca Mambro escono  definitivamente di prigione e non hanno più alcun obbligo da rispettare.( Neanche quello di uccidere  qualcun altro?)
Lui riottiene la patria potestà e la figlia potrà  vivere con mami e papi.
Non so se lavorino ancora per l'Associazione "Nessuno tocchi Caino", (chi più di loro poteva temere la pena di morte?)

E' proprio vero che la  condanna a una pena definitiva vale solo per chi a perso  un familiare ucciso barbaramente.




8 commenti:

  1. Non dobbiamo dimenticare!OLga

    RispondiElimina
  2. Cara Cristiana, certo che certe stragi non dobbiamo mai dimenticare!!!
    Ciao e buona domenica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso 

    RispondiElimina
  3. Hai ragione: la condanna a una pena definitiva vale solo per chi a perso un familiare ucciso barbaramente.
    La condanna al dolore dei familiari delle vittime, si aggiunge alla condanna del nostro paese a digerire anche questa orrenda strage fascista e ad accettare che gli esecutori materiali siano in libertà come i mandanti che l'hanno voluta.

    RispondiElimina
  4. Il "non dobbiamo dimenticare" dovrebbe essere legato al fatto che ci nascondono la verità, gli archivi non li aprono, e chiunque si sussegua al potere è come se diventasse parte integrante di questa Immensa Omertà... mi vergogno di questo Stato di cose.

    RispondiElimina
  5. Vergognoso.
    Potrebbero essere i nostri vicini di casa o di ombrellone.
    Resta solo il dolore di chi, quel giorno, aspettò vanamente il ritorno dei propri cari.

    RispondiElimina
  6. Il vero scandalo sta nelle varie coperture della strategia della tensione.

    RispondiElimina
  7. Fa venire i brividi la tua conclusione del post, Cri, per quanto è drammaticamente e vergognosamente vera.

    RispondiElimina
  8. Un dolore forte ed una verità che deve ancora essere scritta

    RispondiElimina