Etichette

23 febbraio 2020

Torto o ragione?

"In Italia i virus influenzali causano direttamente all’incirca 300-400 morti ogni anno, con circa 200 morti per polmonite virale primaria", ha spiegato a Pagella Politica Fabrizio Pregliasco, virologo e ricercatore all’Università degli Studi di Milano. "A seconda delle stime dei diversi studi, vanno poi aggiunti tra le 4 mila e le 10 mila morti “indirette”, dovute a complicanze polmonari o cardiovascolari, legate all’influenza".
I virus influenzali possono infatti creare delle complicazioni – soprattutto in adulti e bambini con malattie gravi, persone con più di 65 anni, donne in gravidanza e alcune categorie professionali, come gli operatori sanitari – che aumentano il rischio di morte.
Ogni anno in Italia muoiono 11 mila persone di polmonite. Cioè 30 al giorno. Ma sono morti “silenziose”, a luci spente, che non destano l’attenzione dei media. La causa? I classici virus influenzali che direttamente o indirettamente, cioè per complicanze respiratorie o cardiovascolari, non sono poi così tanto meno insidiosi
"L’influenza fa crescere la temperatura corporea, aumenta la gittata cardiaca, rende più difficile la respirazione, e gli studi mostrano che questo, per esempio, ha una correlazione con un rischio di infarto maggiore", ha spiegato a Pagella Politica Pregliasco. "Chi respira già male può prendersi la polmonite per colpa dell’influenza, per esempio quella batterica secondaria".
Dietro suggerimento del mio medico, poiché ho una bronchite cronica , ho fatto un vaccini contro la polmonite : E' piuttosto caro   - 110  euro -    e so bene che non tutti possono permetterselo, ma lo Stato dovrebbe farsene carico, almeno per le persone dai 75 anni in su.
.
 La dottoressa Maria Rita Gismondo : tutto questo “è una follia”. Scuole e uffici chiusi, attività sportive sospese, disinfettanti e mascherine che vanno a ruba e panico generale tra web e strade A parlare  – è la responsabile di Macrobiologia Clinica, Virologia e Diagnostica Bioemergenze dell’Ospedale Sacco di Milano. La struttura dove in queste ore si stanno analizzando tutti gli esami dei casi sospetti di coronavirus.


13 commenti:

  1. Si cerca di evitare una vera epidemia, molto pericolosa perché il virus è nuovo e nessuno ha anticorpi. Un sacco di gente malandata potrebbe restarci. La dottoressa Gismondo evidentemente non se ne rende conto. Già così non è sicuro che si riesca a evitare il peggio.

    RispondiElimina
  2. Cara Cristiana, seguo con molta attenzione ciò che avviene, non si può non preoccuparsi.
    Ciao e buona settimana, con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Concordo con Unknown il coronavirus non è da sottovalutare per niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che non è da sottovalutare, specialmente per gli anziani che, fino ad ora sono il maggior numero delle vittime

      Elimina
  5. Vuoi che succeda come la Spagnola?
    L'Italia è il secondo Paese al mondo per numero di infezioni.
    Il Contagio si è verificato a Milano nell'Ospedale per un ammalato che aveva il
    coronavirus e non hanno fatto il tampone e non sanno nemmeno il suo nome.
    Gli ammalati sono medici e infermieri.

    RispondiElimina
  6. La cosa che preoccupa è che il numero dei casi aumenta di giorno in giorno. Ci vuole molto rigore nei controlli e senso di responsabilità da parte di tutti. Bisogna che vengano anche controllate quelle speculazioni che hanno portato alla vendita a prezzi folli di mascherine e disinfettanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'aumento dei casi di positività al virus è anche dovuto alla strategia di ricerca capillare dell'origine dell'infezione per ogni caso. C'è una progressione geometrica degli esami.

      Elimina
  7. Questo coronavirus mi ha già stancata.
    Mi dispiace per la tua bronchite.
    Hai fatto bene a fare il vaccino. Davanti alla salute non esiste cifra troppo onerosa.

    RispondiElimina
  8. Come ti dicevo ieri abbi cura di te.
    Lo sto ripentendo come un mantra ai miei genitori e a tutti quelli che conosco che possono essere più esposti rispetto ad altri per ragioni di età e di malattie.
    Immagino che il vaccino per scongiurare la polmonite tu lo faccia tutti gli anni. Hai ragione dovrebbe essere in esenzione almeno per alcune fasce di utenti. Ma lo sappiamo che la sanità in Italia ha poche risorse, meglio investire in campagne elettorali.

    RispondiElimina
  9. Oltre alla Gismondo bisogna segnalare il famoso narcisista Sgarbi che, schierato col famigerato Salvini e il resto della destra, sostiene che
    a) Il governo è incapace di far fronte all'emergenza.
    b) Non esiste nessuna emergenza.
    Forse capisce di storia dell'arte, ma è un "intellettuale" di assoluta malafede e faziosità.

    RispondiElimina
  10. Ciao, scusa se mi intrometto, sono un nuovo lettore del tuo blog, vorrei dirti che se hai una patologia cronica il vaccino per la polmonite è GRATIS. Io soffro do broncopatia cronica e lo faccio tutti gli anni insieme a quello influenzale.
    Buona giornata e complimenti per il blog.
    Marcello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, l'ho fatta anch'io ,però pagando 110 euro, mi chiedo perché.
      Benvenuto, ti aspetto.

      Elimina

ANONIMI :NO