Etichette

26 novembre 2019


Pistoia, don Biancalani fa cantare ai fedeli 'Bella Ciao' in chiesa: protesta la Lega

Il parlamentare della Lega Edoardo Ziello ha pubblicato sul proprio profilo Facebook un video che ha suscitato polemiche. Mostra don Massimo Biancalani, parroco della chiesa di Vicofaro, alle porte di Pistoia, mentre fa cantare ai fedeli "Bella Ciao", canzone emblema della lotta partigiana e della Resistenza in Italia. Dopo la consueta benedizione, il parroco si è intrattenuto con alcune persone e ha iniziato a intonare le strofe del famoso brano.
Non è la prima volta che don Biancalani è autore di gesti eclatanti: già nel 2017 aveva attaccato Salvini, definendolo "un furbo", dopo le polemiche seguite alle critiche ricevute per una foto che ritrae alcuni migranti ospiti nella sua casa d'accoglienza mentre fanno il bagno in piscina.
"Don Biancalani fa cantare 'Bella Ciao' nella sua chiesa. Siamo davvero all'assurdo e poi qualcuno si lamenta se i cristiani praticanti sono sempre di meno... Questo prete non rappresenta il mio credo!", ha scritto Ziello a corredo della clip, pubblicata sui social e diventata ben presto virale.

Ma secondo 'sto leghista destrorso tutti  i cattolici odiano i partigiani e tra i partigiani non c'erano dei cristiani cattolici?



6 commenti:

  1. Cara Cristiana, per una volta sono contrario che in chiesa si possa fare questo.
    Questa è la mia opinione, sarebbe bastato che fosse uscito e fuori avrebbe potuto lui stesso intonare Ho bella ciao, avrebbe evitato parole inutili!!!
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Si creano mostri lì dove non ci sono.
    Ma chi se ne frega di cosa fa un prete nella Chiesa (che non è sua)!
    Ma ci sono tanti problemi da risolvere importantissimi, pensiamo a quelli, grazie!
    Ciao carissima Cristiana!

    RispondiElimina
  3. Per me questi sono clamorosi autogol che fanno in modo di far parlare Salvini, aiutandolo pure con le sue uscite.

    Moz

    RispondiElimina
  4. Purtroppo (ma non mi sorprende) molti si scandalizzano per qualcosa di moderatamente progressista che affiora qua e là nell'ambito del cattolicesimo tradizionalista, che resta ancorato alla conservazione, nemica persino del papa cattolico.

    RispondiElimina
  5. Ha definito Salvini un furbo perché la tonaca non gli consente oltre, altrimenti...
    P. s. Domani verso mezzogiorno inizia un maxitorneo sul mio blog. Ci si vede.

    RispondiElimina
  6. Vabbe', sarebbe stato peggio se avesse cantato Faccetta nera :-)

    RispondiElimina

ANONIMI :NO