Etichette

13 luglio 2018

GUANTANAMINO

Fratelli d'Italia vuole abolire il reato di tortura.
Meloni: "Impedisce agli agenti di fare il loro lavoro" 


Fratelli d'Italia ha presentato due proposte di legge per aumentare le pene a chi aggredisce un pubblico ufficiale e per modificare il reato di che, così com'è codificato oggi, impedisce alle forze dell'ordine di svolgere il proprio lavoro. Difendiamo chi ci difende!
Massssì, creiamo una Guantanamo in miniatura, dove la tortura dell'asciugamani bagnato la si faccia non con l'acqua, ma col vino

PS. Se fossi un agente delle forze di Polizia mi offenderei ad avere la qualifica di "torturatore",
Però se pensiamo a ciò che successe a Genova …..

G8 Genova, Strasburgo condanna Italia: "A Bolzaneto fu tortura 


.

7 commenti:

  1. Devono fare attenzione: se mai ci riuscissero (ma sono 4 gatti spelacchiati...), a far passare una boiata del genere, la cosa potrebbe ritorcersi loro contro - perché qualcuno potrebbe decidere di torturare loro o i loro familiari con la certezza di non essere perseguito!

    RispondiElimina
  2. Meloni parla, quindi esiste.

    RispondiElimina
  3. La Meloni mi lascia sempre così... senza parole per commentare queste sue uscite del cavolo.

    RispondiElimina
  4. Ho già detto la mia opinione da Dumdumderum.
    Si vada a rileggere "Dei delitti e delle pene" di Cesare Beccaria, se mai sappia chi fosse, poi parli. Tortura fa rima con dittatura e non è mai buona davvero. C'è gente che ha il terrore del dolore fisico, pronta a giurare nelle mani del carnefice di avere inchiodato Gesù alla croce.
    Qui non si fa ridere, Giorgia, si fa piangere.

    RispondiElimina
  5. Due cose ovvie.

    Questo è il paese dove un tizio si mette il passamontagna e va ad assaltare un mezzo militare, mandato e sobillato dai "dirigenti", quando gli sparano e ci rimane gli si intitola un'ala del Senato come fosse un eroe della Resistenza.

    Inoltre, qui si immagina sempre il giovane partigiano torturato dai fascisti, però vorrei vedere se si trattasse della vita o morte di un vostro familiare, se vorreste che la Polizia "convincesse" i malviventi a fornire informazioni per salvarlo oppure se preferireste che morisse pur di rispettare appieno i "diritti" degli arrestati.

    L'altro giorno ho visto un video ripreso a Milano dove un immigrato minacciava i presenti con un coltello. Due agenti di Polizia cercavano di fermarlo. Negli USA l'avrebbero crivellato di colpi, qui gli hanno fatto lo sgambetto rischiando di prendersi una coltellata. Ancora, io vorrei vedere cosa fareste se foste nei panni del poliziotto o se il poliziotto fosse un vostro congiunto, se rischiereste la vita vostra o di un vostro caro per i "diritti" del tizio col coltello.

    Facile mandare altri a farsi ammazzare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I tuoi commenti abbondano sempre di "se" e di "ma".
      Per favore gira al largo, non sono compatibile con gli estremisti, sia di destra che di sinistra.

      Elimina
  6. C'è sempre qualcuno che vorrebbe che la civiltà facesse passi indietro anziché in avanti. E che ipocritamente vorrebbe far fare agli altri il lavoro sporco. Nel caso di Meloni potrebbe trattarsi anche di ipocritica, nel caso di Lorenzo si tratta di provocazione. Brava Cristiana a non esercitare il suo diritto di veto, rispondendo puntualmente a tutti. In rete quelli come Lorenzo si definiscono troll.
    Cesare.

    RispondiElimina

ANONIMI :NO