Etichette

28 marzo 2021

DI SOLITO NON MI OCCUPO DI CRONACA NERA , ma...

https://torino.repubblica.it/cronaca/2021/03/26/news/novara_per_la_morte_del_piccolo_leonardo_ergastolo_alla_madre_e_al_convivente-293895681/


Bimbo ucciso a Novara, ergastolo alla madre e al convivente: "Violenze indegne di un essere umano"


"Gaia Russo avrebbe potuto evitare che l'escalation di violenza, iniziata due mesi prima da Musi, arrivasse al punto di non ritorno, ma non ha fatto nulla - ha sostenuto il magistrato - Così come non ha fatto nulla quando le botte inflitte a Leonardo lo avevano ridotto in fin di vita: non l'ha portato al pronto soccorso, non gli ha nemmeno dato un anti-dolorifico. Anzi, inviava agli amici le foto del bimbo con il volto tumefatto per i colpi, in modo da farsi prestare soldi per 'cure mediche' che mai faceva".

Visto che non c'è la pena di morte , spero che i carcerati/e stessi, riescano a rendere invivIbile  l'esistenza di questi due mostri.







 


6 commenti:

  1. Ti parlo da cattolico. La pena di morte impedisce agli assassini di pentirsi delle azioni commesse negli anni dell'ergastolo passati nel carcere.
    Nella pena di morte lo Stato si mette allo stesso piano morale dell'assassino.
    Non è auspicabile un comportamento violento dei carcerati verso i due.
    La giustizia ha regole precise.
    Capisco il tuo sdegno e la rabbia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi non si pentiranno mai , la cattiveria è nel loro DNA.

      Elimina
    2. Non ci asteniamo dalle punizioni disumane per rispetto verso i criminali ma per rispetto verso noi stessi e la costituzione.

      Elimina
  2. Oggi al tg ho visto la polizia sparare sui ragazzi in Myanmar.. viene da piangere davvero.. notizie pessime dappertutto..

    RispondiElimina
  3. Spero non ci siano mai diminuzioni di pena per buona condotta. Devono marcire in galera.

    RispondiElimina
  4. E che dire di tutte quelle persone che sapevano e non hanno denunciato quello che succedeva alla Polizia?

    RispondiElimina

ANONIMI :NO