13 febbraio 2018

«Aboliremo le unioni civili»: l'ultima minaccia del centrodestra
Berlusconi approva e se approva lui,  sempre distintosi per  una  morigeratezza  al di sopra ogni sospetto grazie alla specchiata etica morale !Senza dubbio si è avvalso di un indagine su  campione, accertandosi così che la società italiana NON è laica :"l'Italia non è uno stato laico!" I gli esempi che avvalorano questa tesi sono praticamente infiniti: il crocifisso nelle scuole pubbliche, l'esenzione fiscale per le proprietà del Vaticano, le pressioni degli organismi cattolici su questioni politiche che esulano dalla religione. Proprio come in questi giorni, a causa del dibattito sulle unioni civili. In situazioni del genere è naturale chiedersi se il nostro sia effettivamente uno stato laico: dal punto di vista formale e costituzionale pare essere così, ma possiamo veramente dire che il primo rigo dell'articolo 7—"lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani"—rispecchi la realtà?
Le unioni civili saranno abolite perché “vanno verso la fine dell’umano”. È la promessa elettorale del centro-destra riunitosi durante il convegno “Oltre l’inverno demografico”, organizzato il 27 gennaio a Roma da Alleanza Cattolica e dal comitato Difendiamo i nostri figli in vista delle elezioni politiche del 4 marzoA pronunciarla, premiata da uno scroscio di applausi, la parlamentare Eugenia Roccella, oggi candidata con Forza Italia per la Camera in Emilia Romagna   “Penso al provvedimento sulle unioni civili che, va detto con chiarezza, di fatto apre alla stepchild adoption. Per la sinistra, leggi come questa portano verso il progresso; per noi, vanno verso la fine dell’umano”.

Nel giugno 2016 la Corte di Cassazione ha invece stabilito il principio per cui “Non determina in astratto un conflitto di interessi tra genitore biologico e il minore adottando, ma richiede che l'eventuale conflitto sia accertato in concreto dal giudice” nel caso di una domanda di adozione di una minore proposta dalla partner della madre, con lei convivente in modo stabile, aprendo alla possibilità di Stepchild adoption se nell'interesse del minore.
Perché osteggiare queste adozioni che non possono che essere suggerite dall'amore per i bambini! 








Lle




















8 commenti:

  1. L'Italia è un paese bigotto, è vero. Penso però che una certa classe politica lo sia molto di più. Nel Paese credo ci sia e ci sia stata molta più apertura sia per le unioni civili già approvate così come per il biotestamento nonché per l'eutanasia ancora da realizzare (alla quale credo sia favorevole la maggior parte degli Italiani).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa daniele, molti blogger non riescono a raggiungere questo blog. Tu dove hai trovato l'URL? Graie e buona giornata.
      Cri
      PS. Hai notizie di Vincenzo , io gli ho mandato un paio di mail giorni fa e, contrariamente al solito, non mi ha risposto mentre in genere lo fa in giornata

      Elimina
    2. l'Url l'ho recuperato dal tuo account su google plus. Neanch'io ho notizie di Vincenzo e non è proprio neanche passato da me e sono preoccupato. Questo il tuo link accessibilissimo dal web senza passare da google plus https://lilladoro.blogspot.it

      Elimina
  2. Nel paese dove (eterna citazione del Belli che ripropongo sempre) "Soli preti qui rregneno" non è affatto stupefacente che certi personaggi sbrodolino certe dichiarazioni.
    (Per quanto riguarda il raggiungere questo blog: Daniele deve aver fatto come me, cioè andare a ficcanasare nel tuo profilo di Google e pescare l'indirizzo da lì. Ti prego, avvisa tutti i tuoi "colleghi" blogger che hai aperto un nuovo blog! Se no chi ti ritrova più?)

    RispondiElimina
  3. Dum, grazie di esistere sul mio blog!
    Vuoi dire che devono andare su GOOGLE+ ?
    Grazie

    RispondiElimina
  4. Io abolirei la legge non perché sia contraria alle unioni civili ma perché il ddl così com'è fa schifo e non grantisce ai cittadini LGBt gli stessi diritti di quelli etero.
    Si deve rifare la legge da capo e garantire ai cittadini LGBT tutti i diritti degli altri: matrimonio, adozione, stepchild adoption, figli in vitro, eredità, tutela della famiglia...
    Rifare da zero, sarebbe l'ideale.
    Baci.

    RispondiElimina
  5. Ciao Francesca, ti rispondo da questo blog che è identico all'altro, ma questo mi permette di commentare e l'altro no.
    Grazie di esserti iscritta.
    un abbraccio.

    RispondiElimina
  6. D'altronde ragazzi abolire il buonsenso e il buongusto non si può. Non esistono più!
    Ma che parliamo a fare dei fondamentalisti islamici quando i nostri con quasi peggio?

    RispondiElimina